In genere ogni punto nascita offre una propria lista che è bene prendere in considerazione: ma qui ti offriamo anche la nostra “check list” frutto di diversi anni di confronti sulle diverse proposte e su quanto le donne hanno via via trovato davvero utile. 

Borsa del parto o… borse del parto?

  • la borsa per la permanenza in reparto
  • la borsa per la sala parto
  • la borsa per il rientro a casa
  • e se partorisco a casa mia, o in casa di maternità? cosa mi serve? (coming soon…)

Quando preparare la valigia del parto?

Man mano che ci si addentra nel terzo trimestre di gravidanza, e ci si avvicina al momento della nascita, uno dei preparativi riguarda la “borsa o valigia” per il parto. Spesso aver completato questo passaggio diventa un vero e proprio rituale che fa toccare con mano alla donna di essere arrivata davvero a sentirsi pronta per l’evento che da mesi sta attendendo, in tutti i sensi.

Vogliamo anche ricordarti che, oltre a quanto proposto dagli ospedali,  anche far questa “valigia” può essere una occasione per te di domandarti: cosa mi fa sentire al sicuro e bene con me stessa, pensando al travaglio? Quali oggetti “portafortuna”, profumi, musiche mi fanno sentire “come a casa”? Se queste domande trovano una risonanza in te, aggiungi alla tua personale lista quel che ti suggeriscono . Puoi anche confrontarti su questo con la tua doula o la tua ostetrica, oltre che con il tuo partner, con chi insomma senti vicino e ti accompagna in questo percorso verso l’incontro con la tua creatura.

Ma veniamo intanto alle cose pratiche. La borsa o valigia per praticità possono essere due, una più piccola con ciò che ti servirà in sala parto, l’altra con quello che ti occorre per il tempo in cui resterai in ospedale. Oltre a questo, se vuoi puoi preparare già una terza borsa con quello che ti potrà servire al momento delle dimissioni: queste cose possono essere sistemate in un cassetto o in una sacca di tela pronte per esserti recapitate da chi ti verrà a prendere per il rientro a casa)


Qui puoi scaricare la check list stampabile

 


Borsa per l’ospedale: cosa portare?

 

Borsa per la sala parto

  • una t-shirt larga o camicia da notte corta, comoda per il parto
  • infradito o ciabatte di gomma se tu volessi entrare in doccia o in vasca per il travaglio
  • vestaglia o felpa (vedi sopra) 
  • 1 cambio completo per il bebè: un body a manica corta, una tutina, un paio di calzine, e un cappellino o cuffietta di cotone morbido (taglia 36/40)
  • la tua playlist preferita sul cellulare o nel supporto che ti è più facile avere con te (in alcune sale parto è possibile portare cd da utilizzare in travaglio) 
  • 1 asciugamano (se desiderate il vostro personale) e un accappatoio leggero
  • kit igiene personale (salviette umide, spazzola, elastico per legare i capelli)
  • acqua in bottigliette di plastica o borraccia, per rimanere idratati (la mamma e il partner!)
  • cannucce (per bere in qualsiasi posizione tu sia durante il travaglio)
  • alcune bustine di zucchero o meglio ancora miele o marmellatine, snack come cioccolato, noci, frutta secca, succo di frutta: alimenti che ti permettano di recuperare energia velocemente durante il travaglio
  • una maglietta di ricambio per il partner
  • monetine da 1, 2 euro e 50 cent (per le macchinette distributrici di bevande)

aggiungi… tutto quel che ti può far sentire a tuo agio, protetta, libera…. come a casa tua

 

Borsa per il reparto

Occorrente per la mamma: 

  • 2 o 3 camicie da notte aperte davanti con la parte superiore sbottonabile, per poter stare pelle a pelle con il tuo piccolo. Se preferisci un pigiama, abbi cura che sia morbido e che i pantaloni siano larghi per far respirare la vulva e il perineo 
  • mutande di rete usa e getta
  • assorbenti grandi post parto 
  • un rotolo di panno carta
  • un cardigan (o una vestaglia se la usi) 
  • pantofole, e anche delle infradito o ciabatte di gomma per la doccia (queste puoi metterle direttamente nella borsa per la sala parto)
  • calzini comodi
  • Beauty case con occorrente per l’igiene personale e intima, anche i tuoi asciugamani 
  • cuffie auricolari, caricabatterie del telefono

Occorrente per il bambino: 

  • 5 body a manica corta (inverno) o senza maniche (estate)
  • 5 tutine di cotone felpato (inverno ) o  tutine di cotone leggero o pagliaccetti sgambati, calzini di cotone (estate). Ricorda: se ti piace organizzare in modo da trovare tutto velocemente, puoi dividere i cambi in sacchetti separati, (sarà più facile anche per il partner aiutarti nel recuperare ciò che vi serve) –  uno di questi cambi va nella borsa della sala parto 🙂
  • un telino in mussola di cotone (swaddle) o copertina leggera

Documenti: 

  • tesserino sanitario 
  • carta d’identità o passaporto (eventuale permesso di soggiorno) di entrambi i genitori 
  • cartella della gravidanza (controlli, ecografie, esami) 

Importante: controllare che tra gli esami del sangue ci siano i referti di: – Gruppo sanguigno – HbSAg, HCV, VDRL, TPHA, HIV – tampone vagino/rettale. 

 

Borsa per il rientro a casa

  • 1 confezione di pannolini per il bebè 2/5 kg (misura mini o 1 a seconda delle marche)
  • dischetti di cotone
  • 1 olio idratante naturale (può servire anche per detergere la pelle del piccolo)
  • 1 crema a base di zinco solo per eventuali arrossamenti 
  • garze sterili (per la pulizia del cordone e degli occhietti
  • un cambio di vestiti per la mamma tenendo conto del cambio di taglia 🙂
  • reggiseno da allattamento…. si o no? è un acquisto che si può rimandare al rientro a casa, per vedere effettivamente come il seno si trasforma. Per chi preferisce prenderlo, può essere utile immaginare una taglia in più rispetto a quella del seno alla fine della gravidanza, e optare per qualcosa di morbido, in tessuto di cotone, a brassiere o bustier, in ogni caso senza ferretti.
  • Kit di sostegno pratico ed emotivo: i numeri di telefono della rete di persone di tua fiducia (l’ostetrica, la doula, la consulente per l’allattamento, il nido del punto nascita) ma anche… i riferimenti per il tuo cibo da asporto preferito!  (coming soon: il “piano del post parto!”)
 
In un certo senso la valigia del parto andrebbe preparata per gradi, lungo tutto il percorso della gravidanza. Vuoi scoprire perchè?

 

Potrebbe interessarti anche

Vuoi essere la prima a commentare?


Aggiungi un commento